L'ultima saletta è allestita con reperti di epoca medioevale, provenienti da varie aree della Marmilla; si tratta prevalentemente di frammenti ceramici, frutto di indagini e scavi archeologici, rinvenuti anche in aree nuragiche frequentate anche in epoche storiche, come il caso di alcune parti di un contenitore pregiato, in gres, utilizzato per il trasporto di alcolici. Alcune riproduzioni di brocche, scodelle, piatti, danno l'idea dell'utilizzo di varie forme smaltate e decorate con vivaci colori e fantasiosi disegni, frutto di produzione locale, ispanica, nordeuropea ed italiana. Un pezzo particolare, in arenaria, caratterizza la vita religiosa della comunità di Villanovaforru: si tratta della parte posteriore che rimane della raffigurazione di un elefante, che potrebbe essere il sostegno di un'acquasantiera, forse proveniente dalla perduta chiesa rurale di San Sebastiano, che rimase in attività per circa due secoli e scomparve tra la fine del Settecento e gli inizi del periodo successivo

In primo piano

Il presente sito è ancora in fase di ultimazione. Tutte le funzioni non sono state ancora...

Il Comune di Villanovaforru mette a disposizione il servizio di messaggistica istantanea...